mercoledì 2 maggio 2007

L'Invenzione della Tradizione



Da "Vitti 'na crozza"" di Franco Li Causi, a Matteo Salvatore che compone quattro ballate, poi telefona a De Santis (che aveva chiesto antiche ballate da usare in un film) e gliele spaccia per canzoni popolari. A Modugno che nel 1976 scrive insieme a Loffredo una canzone in finto siciliano, "Malarazza", che ha tutti i crismi per spacciarsi per canzone popolare. Del resto, lo stesso Modugno ha quasi sempre acconsentito, lui pugliese, a lasciarsi spacciare per siciliano.
Solo che adesso, fra giornali e televisione, hanno definitivamente sancito l'invenzione della tradizione: ieri, al concerto del primo maggio, a Roma, Carmen Consoli ha cantato "un'antica canzone siciliana di lavoro e di protesta"!!!
Come dice un mio amico, su una mailing list che frequento, questa è l'ennesima garza lasciata nella pancia della storia.
Io, per quello che posso, scrivo quel che posso, e quel che so, su questo misero strumento che viene chiamato "blog". Lo legge, questo blog, una cinquantina di persone, credo. Più o meno lo stesso numero di persone che facevano parte di un altro misero strumento che ricordo. Veniva chiamato, impropriamente, "servizio d'ordine".
Non ho cambiato il mondo allora, non lo cambierò certo adesso. Non importa.


Malarazza
Modugno - Loffredo - Modugno - 1976

Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...

Un servo tempu fa rinta 'na chiazza,
pregava Cristu in cruce e ci ricia:
"Cristu, lu me patrune mi strapazza,
mi tratta comu un cane pi la via,
si pigghia tuttu cu la so' manazza,
mancu la vita mia rici ch'è mia...
Distruggila, Gesù, sta Malarazza!
Distruggila, Gesù, fallo pi mmia! Sì..fallo pi mmia!"

Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...

Cristo me rispunne dalla croci:
"Forse si so spezzate li to vrazza?
Cu vole la giustizia si la fazza!
Nisciun'ormai 'cchiù la farà pi ttia!
Si tu si 'n'uomo e nun si testa pazza,
ascolta bene sta sintenzia mia,
ca iu 'nchiudatu in cruce nun saria
s'avissi fattu ciò ca ricu a ttia...
ca iu 'nchiudatu in cruce nun saria!"

Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...

"Se 'nna stu munnu c'è la Malarazza,
cu voli la giustizia si la fazza!
Se 'nna stu munnu c'è la Malarazza,
cu voli la giustizia si la fazza!"

Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...

7 commenti:

Lorenzo Masetti ha detto...

Un altro caso clamoroso e' Brigante se more, dove addirittura si sono inventati una canzone originale dove si diceva

nuie cumbattimmu pe 'o re borbone

per contrastare la versione di Bennato, che pero' l'aveva scritta lui, e quindi aveva il sacrosanto diritto di scriverci quello che voleva!

Enrica ha detto...

se il tuo blog conta una cinquantina di lettori puoi sempre ricordarti che manzoni scriveva per 25 lettori il suo "fermo e lucia".
Se tanto mi da' tanto ...

franco senia ha detto...

Consolante!
Andrà a finire che, dopo la mia morte ("se e quando avverrà, ma la cosa è insicura"), mi .....impareranno a scuola! ;-)

salud

Francesco Chiantese ha detto...

Caro Franco, la questione "malarazza" è più complessa.

Il testo lo si trova nella tradizione sia calabra che siciliana precedentemente.
E' datata 1857 ed il titolo era UN SERVU E UN CRISTO e a quei tempi destò molto scalpore.

Puoi trovarne notizie sul testo "Antonio Uccello, Risorgimento e società nei canti popolari siciliani, Firenze, Parenti, 1961"

Il testo di un servu e un cristu pubblicato da Lionardo Vigo nel 1857, provocò il sequestro di tutte le copie dell'opera; in seguito ne fu coniata una seconda ed una terza versione con risposte più "blande e rassegnate" del crocifisso è per un pò ha girato nellat radizione, sempre comunque considerata una canzone "scomoda".
Infatti il testo originale si divide in due tronconi, uno del 1857 ed uno post riproposta.

C'è un gruppo calabro, "la mattanza" che, storpiandone l'arrangiamento, ne esegue il testo corretto.

La canzone fu poi stagliuzzata, modificata e registrata da Modugno/Loffredo presso la SIAE.

Sembra che abbiano dovuto registrarla come "testo proprio" perchè sull'originale c'era ancora un minimo di veto di censura e quindi, scriverne un'altra con diverso titolo sebbene in pratica la stessa, fosse la soluzione più veloce.

Un abbraccio

franco senia ha detto...

Caro Francesco,
ero a conoscenza del fatto che la canzone di modugno aveva preso le mosse da una cosa più antica, ed avevo letto anche della traccia riconducibile ad Antonino Uccello. Però ritengo che si tratti solo di una ...storia di cantastorie. Sai, quelle cose che facevano in Sicilia, con tanto di cartelloni dipinti. Ragion per cui, continuo a ritenere che la canzone, come tale, sia stata un'invenzione. Anche nel lessico proposto, che non riesco a ricondurre né al siciliano né al calabrese.

salud

Pasquale Paoli ha detto...

...Ma come, anche "brigante se more"...?! No, cavoli. Ci campavo su quella canzone, come AlexDeLarge in Arancia Meccanica campa sulla bibbia, sognando ad occhi aperti di fare il centurione sul Calvario, "tutto vestito all'ultima moda romana"! Peggio per me, così imparo a non leggermelo prima il saggio famoso di Hobsbawm omonimo a 'sto post, e soprattutto a non valutarne le ramificate (e devastanti...) implicazioni.

Riccardo ha detto...

Pasquali', ti sarebbe bastato andare alla pagina dedicata a "Brigante se more" sulle "Canzoni contro la guerra" :-)

http://www.prato.linux.it/~lmasetti/canzonicontrolaguerra/canzone.php?id=4065&lang=it

L'unica pagina di tutto il sito mezza scritta in barrato!

Saluti