martedì 11 ottobre 2011

Malaya Dmitrovka

BlackGuard

Molti anarchici russi si opposero con fermezza all'istituzionalizzazione delle guardie rosse, unità combattenti che erano state create dagli operai, nelle fabbriche, durante le due rivoluzioni, di febbraio e di ottobre. I rapporti tra anarchici e  bolscevichi avevano cominciato a deteriorarsi dopo la Rivoluzione d'Ottobre, e i delegati anarchici al 2 ° Congresso dei Soviet, nel dicembre 1917, accusarono Lenin ed il suo partito di "militarismo rosso". Come risultato, a Mosca, a Pietrogrado e negli altri centri principali, venne messo in atto un tentativo concertato di formare libere unità di combattimento denominate "la Guardia Nera". Nel 1917, distaccamenti di guardie nere vennero formate in Ucraina, incluse quelle di Makhno. Nikolai Zhelnesnyakov, dopo essere sfuggito a Pietrogrado ad un tentativo di arresto da parte dei bolscevichi, arriva in Ucraina e crea un grande gruppo di guardie nere. Altri distaccamenti, sempre in Ucraina, erano guidati da Mokrousov, da Garin con il suo treno blindato, da Anatolii Zhelesnyakov, il fratello minore di Nikolai, e infine il distaccamento, guidato da Seidel e Zhelyabov, che difendeva Odessa e Nikolaev.
A Vyborg, vicino a Pietrogrado, gli operai anarchici dello stabilimento russo Renault formarono una Guardia Nera, ma ben presto questa si fuse con la Guardia Rossa che era stato creata contemporaneamente nella stessa fabbrica.
"Burevestnik", il foglio della Federazione degli Anarchici di Pietrogrado, avverte che ".. quei signori si sbagliano se pensano che la vera rivoluzione sia finita ... No, una vera rivoluzione, una rivoluzione sociale, che liberi i lavoratori di tutti i paesi, è appena cominciata".
Nell'aprile del 1918 a Mosca ci sono già 50 unità della Guardia Nera. Peters, vice presidente della Ceka, si dichiara particolarmente preoccupato per la loro crescita. "Ricordo che dopo il mio arrivo alla Ceka di Mosca, mi resi conto che c'erano due poteri: da un lato, il Soviet di Mosca, e dall'altro il quartier generale della Guardia Nera con sede nell'ex Club dei Mercanti in Mallaya Dmitrovka, che agiva organizzando raid per le strade, portando via armi e oggetti di valore, requisendo appartamenti ... "
La Federazione di Mosca aveva già espropriato 26 case, già dimore dei ricchi, che venivano utilizzate come basi. Alcune di queste case erano in posizione strategica nella città. In esse venero installati nidi di mitragliatrice, c'erano dormitori, biblioteche, aule, arsenali e scorte di cibo.
Maksimov fa notare: "A causa del suo potere e alla sua influenza, la Federazione è riuscita a sequestrare i locali del "Kupechesky Club" (Club dei Mercanti) che si trova in  Malaya Dmitrovka, una casa enorme e magnifica, lussuosamente arredata e con una biblioteca e un teatro. I locali sequestrati sono stati rinominati in "Dom Anarchia" - "Casa dell'Anarchia" - , e si sono rivelati particolarmente adatti per l'attività anarchica più ampia e variegata. A quel punto, la Federazione si è accordata con una delle più grandi tipografie di Mosca, che le ha permesso di pubblicare un quotidiano, in luogo dell'ex settimanale.
Nel marzo del 1918, la Federazione decide di organizzare una forza militare propria, le cosiddette "Guardie Nere". Un'altra casa viene sequestrata e trasformata in caserma per i contingenti della neonata "Guardia Nera". A Kaydanov, una figura attiva nel movimento anarchico e un compagno di lunga data, viene affidata l'organizzazione e la leadership di questa formazione militare, che diverrà ben presto la causa formale di inimicizia con i bolscevichi, porterà alla diffusione di vili calunnie e di false accuse rivolte al anarchici, fino alla totale distruzione delle organizzazioni anarchiche.
Le attività del MFAG (Federazione Moscovita dei Gruppi Anarchici) si erano intensificate dopo che il Soviet dei ministri si era trasferito a Mosca. Nelle file del MFAG lavoravano i fratelli Gordin, Alexander Karelin, Vladimir Barmash, M. Krupenin, Piotr Arscinov e Kazimir Kovalevich. Nel mese di aprile 1918 a Mosca vi erano già più di 50 gruppi e distaccamenti della Guardia Nera che contavano circa 2.000 militanti. Da un rapporto del KGB sappiamo che anche un distaccamento anarchico  di Samara era arrivato in città.
Secondo la Ceka, gli anarchici stavano pianificando un'insurrezione prevista per il 18 aprile e quindi venne deciso di mettere in atto un attacco preventivo per disarmare le truppe della Guardia Nera. La pianificazione di una tale insurrezione è sempre stata strenuamente negata dagli anarchici. Per il 14 di Aprile era prevista un'assemblea generale della MFAG, ma questo era tutto.
La notte del 11-12 aprile la Ceka convoca una riunione di emergenza, instaura un quartier generale diretto da Dzerzhinsky e da inizio alle operazioni per disarmare i distaccamenti armati degli anarchici. Dzerzhinsky sottolinea: "Abbiamo avuto alcune informazioni a proposito di elementi criminali, raggruppati intorno ad un gruppo della Federazione, che vogliono agire contro il potere sovietico" (Izvestia 75, del 16 aprile, 1918). Già l'8 aprile, il comandante del Cremlino P. Malkov e il comandante dei mercenari lettoni E. Berzins avevano condotto ricognizioni per valutare la forza della Federazione .. Era stato approvato un piano per eliminare la "contro-rivoluzione anarchica". L'operazione ha coinvolto le unità militari della Ceka, (il 1° Distacco Mitraglieri) e dil 4° reggimento dei fucilieri lettoni, nonché parte della guarnigione di Mosca. Le operazioni sono cominciate a mezzanotte con le case anarchiche circondate da queste truppe.
Molte delle unità anarchiche mancavano di esperienza di combattimento e resistenza, ma in alcuni posti i bolscevichi trovarono una strenua resistenza armata, ad esempio, in Malesia Dmitrovka presso la Casa dell'Anarchia. Qui la Guardia Nera aveva occupato tutte le case circostanti ed era riuscita a mettere un pezzo di artiglieria leggera sul tetto. Il cekisti presero d'assalto l'edificio, sostenuti da fuoco di artiglieria che fece a pezzi il cannone posto al primo piano dell'edificio. Tuttavia i cekisti riuscirono a prendere lo stabile solo grazie all'arrivo dei fucilieri lettoni. L'ultima roccaforte della Guardia Nera a cadere, fu la Dimora Zeitlin che venne presa prima di mezzogiorno, e in generale la lotta tra le forze della Ceka e gli anarchici cessò alle due del pomeriggio.
Come risultato di questa operazione, i bolscevichi uccisero 40 anarchici, alcuni fucilati sul posto, mentre una dozzina, fra cekisti e soldati, morirono nei combattimenti. Il corpo del veterano anarchico Michail Khodounov venne buttato in mezzo alla strada.
Ricordando questi eventi ,Volin scrive nel suo libro "La rivoluzione sconosciuta":
"... La notte del 12 aprile sotto un falso e assurdo pretesto [i quartieri di] tutte le organizzazioni anarchiche a Mosca - e principalmente quelli della Federazione dei gruppi anarchici in quella città - sono stati attaccati e saccheggiati dalle truppe e dalle forze di polizia . Per diverse ore la capitale ha assunto l'aspetto di una città in stato d'assedio. Anche l'artiglieria ha preso parte all'azione ".
Questa operazione serviva da segnale per dare inizio alla distruzione delle organizzazioni libertarie in quasi tutte le città importanti della Russia. E come sempre le autorità provinciali superarono nello zelo quelli della capitale.
Leon Trotsky, che per due settimane aveva preparato il colpo, e che aveva effettuato di persona, tra i reggimenti, un'agitazione sfrenata contro gli "anarco-banditi", ebbe la soddisfazione di poter fare la sua famosa dichiarazione: "Finalmente il governo sovietico, con una scopa di ferro, ha ripulito la Russia dall'anarchismo ". 
Dopo la sconfitta della Guardia Nera a Mosca 500 anarchici verranno arrestati (alcuni verranno rilasciati poco dopo). Il distaccamento anarchico di Samara, che aveva assunto un ruolo attivo nella difesa dei raggruppamenti anarchici, è stato espulso dalla città.
Dzerzhinsky, capo della Ceka, commentando gli eventi, scrive sull'Izvestia del 15 aprile 1918:. "Noi, in nessun caso, avevamo in mente di combattere gli anarchici ideologici. E ora tutti gli anarchici ideologici, arrestati la notte del 12 aprile, vengono rilasciati, e se, forse, qualcuno di loro verrà assicurato alla giustizia, sarà solo per i crimini commessi da elementi criminali che si sono infiltrati nelle organizzazioni anarchiche. Ci sono assai pochi anarchici ideologici tra coloro che sono detenuti da noi .... ".
Gli eventi di Mosca segnarono l'inizio della repressione nelle province. Attacchi simili vennero effettuati a Pietrogrado, Vologda, Smolensk, Briansk e così via. La mattina presto del 12 aprile a Gorodets e a Nizhny Novgorod, province anarchiche guidate dal presidente del Soviet, Morev, si combatté contro gli attacchi dei bolscevichi. A Kursk, gli anarchici si ammutinarono e tennero la città dal 10 al 29 Aprile del 1918. Il 9 maggio, il Commissariato degli Affari Interni inviò una direttiva a tutti i Soviet delle Provincie: "L'esperienza di Mosca, di Pietroburgo e di altre città ha dimostrato che, sotto la bandiera degli anarchici si nascondono teppisti, ladri, rapinatori e contro-rivoluzionari, che si preparano segretamente a rovesciare il potere sovietico ... Tutte le guardie anarchiche e le organizzazioni di anarchici devono essere disarmate. Nessuno può avere un arma se non con il permesso dei soviet locali"(Izvestia 91, 10 Maggio 1918).
La Guardia Nera venne sconfitta  e, successivamente, dipinta come una banda di criminali. Venne fatta una distinzione, come abbiamo visto, tra "anarchici ideologici" e "anarco-banditi". Come Trotsky usava dire: "Erano solamente predoni e ladri che hanno compromesso l'anarchismo. L'anarchismo è un'idea, anche se un'idea falsa, ma il teppismo è teppismo e noi abbiamo detto agli anarchici: è necessario tracciare una linea netta tra voi e i ladri ... il regime sovietico ha preso il potere, non per saccheggiare come ladri e briganti di strada, ma per introdurre una disciplina di lavoro comune e una vita onesta di lavoro".
Trotsky ha continuato a mettere in guardia gli anarchici: "Se volete vivere con noi sulla base dei principi di una disciplina comune del lavoro, allora è necessario che vi sottomettiate a quella della classe operaia, ma se volete andare per la vostra strada, non date a noi la colpa se il governo del lavoro, il potere sovietico, si occupa di voi senza mettersi i guanti".
La rappresentazione di Trotsky dell'anarchismo criminale è un po' in contrasto con la realtà. I criteri di ammissione alla Guardia Nera erano molto rigorosi e l'arruolamento era mediato da vari organismi.
"L'accoglienza dei militanti nella Guardia Nera è fatto su indicazione di:
1) i gruppi locali, 2) Tre membri della Federazione, e 3) i comitati di fabbrica e laboratorio, 4) I distretti dei soviet.
E' stato chiarito che la Guardia Nera non può effettuare operazioni di polizia, come le Guardie Rosse (incursioni, arresti, ecc.) perché questo era prerogativa di quest'ultima. Per quanto riguarda la requisizione di case, queste requisizioni devono essere decise da una commissione speciale composta dai delegati dei gruppi locali."
D'altra parte la Ceka e l'Armata Rossa avevano la facoltà di arrestare senza essere controllati dai soviet, uccidendo arbitrariamente le persone riprese rinchiuse nelle loro celle, dopo che la pena di morte era stata abolita dal governo sovietico. L'azione contro gli anarchici non è stato effettuato da Guardie Rosse o da unità dell'Armata Rossa, che avrebbero rifiutato di partecipare a questi attacchi, ma da unità speciali controllate dai bolscevichi. Va inoltre notato che quando le unità della Guardia Rossa sono state formate in tutta fretta nel 1917, hanno incluso criminali e prigionieri di guerra tedeschi. Saccheggi, sono stata effettuati a Mosca nella primavera del 1918 da unità della Guardia Rossa e su mandato del cekisti, e se le unità della Guardia Nera non sono state irreprensibili, non erano sole in questo.

E' significativo che la sera dell'attacco agli anarchici di Mosca, Peters, il secondo in comando nella Ceka, mostrasse al diplomatico britannico Lockhart,  mentre giravano per le case anarchiche saccheggiate e distrutte, come i bolscevichi mandassero un messaggio alle potenze occidentali in cui dicevano di essere il partito dell'ordine, in grado di controllare e indirizzare la rivoluzione.
Notando una donna anarchica assassinata, distesa sul pavimento di uno dei palazzi, il collo trapassato dai proiettili della Ceka, si riferì a lei come ad una prostituta.

4 commenti:

Nexus Co. ha detto...

Articolo interessante e demistificante contro certa propaganda comunista presente ancora oggi giorno. Da dove è tratto?

franco senia ha detto...

Fonti:
Skirda, A.(2000) Les anarchistes Russes, les soviets et la revolution de 1917. Paris.
Volin. (1974)The Unknown Revolution
Wade, Rex A.(1984) Red guards and workers’ militias in the Russian Revolution
Maximov, G. The True Reasons for the Anarchist Raids (Moscow 1918) at http://www.katesharpleylibrary.net/brv25k
Dubovik, A. The Defeat of the Moscow anarchists at http://socialist.memo.ru/books/html/razgrom.html
The murder of Mikhail Sergeyevich Khodounov at: http://gulaganarchists.wordpress.com/2008/11/08/one-of-the-bandits-in-memory-of-comrade-khodounov/

Nexus Co. ha detto...

grazie :D

gianni landi ha detto...

Aggiungerei, alla bibliografia riguardante la Rivoluzione russa, i vari testi concernenti la Rivolta di Kronstad, l'Ucraina di Nestor Mackno e La rivoluzione sconosciuta di Volin editati in Italiano.