martedì 17 luglio 2012

Agente C

rasputil

Potrebbe essere uno spin-off tratto dalla "Lega degli Straordinari Gentlemen" di Alan Moore, una storia che racconta di come un agente dei Servizi Segreti britannici abbia assassinato un monaco russo con presunti poteri psichici, e invece è quello che è accaduto all'inizio del XX secolo, al "monaco pazzo" Rasputin, in Russia.
Grigori Rasputin, all'epoca, era famoso per alcune cose che, non nell'ordine, erano il suo appetito sessuale, le dimensioni del suo pene e le sue abilità di guaritore. Era entrato nelle grazie della scena politica russa, per caso, quando aveva salvato la vita del figlio dello zar Nicola II, dalla morte per dissanguamento, a causa dell'emofilia dell'erede al trono.

Mansfield Cummings, meglio conosciuto dai suoi colleghi come "Agente C", aveva messo su il "British Secret Intelligence Service" nel 1909. Solo un piccolo ufficio e un piccolo budget, usando sesso e denaro per ottenere informazioni. Utilizzando questo genere di tattica, aveva effettuato innumerevoli missioni ed aveva spedito migliaia di agenti in Europa e in Russia. Nel corso della Prima Guerra Mondiale, la Germania si era schierata contro la Gran Bretagna e il governo britannico riteneva che un'eventuale fine delle ostilità fra la Germania e la Russia sarebbe stata dannosa per le forze britanniche, così come un'eventuale tregua avrebbe permesso alla Germania di concentrare tutti gli sforzi militari sulla Gran Bretagna. Il servizio segreto inglese riteneva che Rasputin stesse consigliando allo zar di stringere amicizia con la Germania. Così, nell'inverno del 1916, Cummings aveva inviato tre agenti ad uccidere Rasputin. Il nome in codice dell'azione era "Dark Forces".

L'agente britannico Oswald Rayner - uno dei tre inviati da Cummings - aveva coinvolto un ricco cittadino russo, Felix Yusupov, cche era stato suo amico di college, nell'assassinio di Rasputin. Il loro piano era quello di attirare Rasputin in casa di Yusupov, lasciandogli intendere che la moglie di Yusupov avrebbe avuto rapporti sessuali con Rasputin.
La storia ufficiale racconta che quella notte, Yusupov ed altri cittadini russi, infuriati contro Rasputin, lo avvelenassero con una torta al cianuro e poi gli sparassero, prima di affogarlo dentro un fiume ghiacciato, lì vicino.
Ci sono solidi argomenti che mettono in dubbio la possibilità che Rasputin abbia mangiato una torta al cianuro, ma i fori di proiettile sono impossibili da confutare, per tutta una serie di fotografie del corpo di Rasputin, che mostrano il foro di ingresso di un proiettile, in fronte.
Almeno quattro proiettili trapassarono il corpo di Rasputin, e gli esami balistici parlano di pallottole sparate da un revolver Webley, un'arma comunemente usata dagli agenti britannici.

Il servizio segreto inglese, ad ogni modo, non si fermò a Rasputin. Cummings ordinò ad un agente di uccidere il futuro premier Joseph Stalin, nel 1918. Stalin voleva far pace con la Germania, creando così ancora una volta dei problemi alla Gran Bretagna. L'agente venne licenziato da Cummings, per aver rifiutato l'incarico.

2 commenti:

alpexex ha detto...

Rasputin, una vita per il cinema... avrebbe cantato Elio... :P

franco senia ha detto...

Io - non so perché - ma se penso a Rasputin vedo il personaggio di Pratt su Corto Maltese.