giovedì 5 maggio 2011

Critica Musicale

hohler

L'uomo ritratto nella foto qui sopra - fotografia dalla chiara impostazione artistica - si chiama Albrecht (Ali) Höhler, ed è stato, senza dubbio, uno dei più sopraffini critici musicali di tutti i tempi. La sua migliore recensione, in assoluto, è quella che svolse, nel gennaio del 1930, nei confronti di un tale di nome Horst Wessel. Questo Wessel era un cantautore, ed aveva anche fondato una sorta di "banda musicale nazista della ciaramella". la Schalmeienkapelle, conosciuto per aver scritto una canzone dal titolo "Die Fahne Hoch"(In alto la bandiera), diventata l'inno del partito nazionalsocialista tedesco, più noto come "Das Horst-Wessel-Lied" (La Canzone di Horst Wessel).
Aveva anche dei passatempi, questo Wessel, in quanto organizzatore e leader del partito nazista a Berlino, così, fra le altre cose, aveva organizzato un attacco alla sede di Friedrichshain del Partito Comunista, nel corso del quale quattro operai avevano riportato delle gravi lesioni.
Cos' accadde che, fra un concerto e una spedizione punitiva, venisse sparato alla testa proprio da Ali Höhler, che fra le altre cose militava nel Roter Frontkämpferbund, il quale sembrava non gradire troppo quel genere di musica. Wessel si spense dolorosamente - colpito nell'amor proprio dalla critica ricevuta - dopo più di un mese di agonia.
Ali Höhler, condannato a sei anni di prigione, verrà ucciso nel 1933 dalle S.A., all'avvento del partito nazista, non prima di essere stato sconfessato da quel partito comunista di cui era un militante. Vale la pena ricordarlo!

1 commento:

Nexus Co. - No Individuality,No Life ha detto...

Ottimo lavoro sia del Hohler. Vale la pena ricordarlo!

"non prima di essere stato sconfessato da quel partito comunista di cui era un militante"
si vede proprio che i marxisti tedeschi non avevano perso il senso del ridicolo e del boicottare i vari atti rivoluzionari (repubblica dei consigli in primis) e/o attentati vari contro i nazionalsocialisti

saluti