martedì 28 ottobre 2008

Pasquale Moccia



L'ultima volta che l'ho incontrato - non è passato troppo tempo - eravamo da feltrinelli.
Era qualche anno che non ci vedevamo, e non sapevo che si fosse messo a ... scrivere libri.
Fatto sta che uscii dalla libreria con in mano un libro, e un indirizzo e-mail, nonché la promessa che, letto il libro, gli avrei scritto per dirgli cosa ne pensavo.
Il libro non l'ho ancora letto, e la mail non gliel'ho mandata ed entrambe le cose sono diventate una promessa che non manterrò mai più!
L'ho saputo adesso, pochi minuti fa, quando ho letto su rekombinant la mail di Francesco Panichi.
Dormi bene, Pasquale!

2 commenti:

marco ha detto...

QUESTA MATTINA, 7 AGOSTO 2010 ALLE ORE 3,35 PASQUALE MOCCIA CI HA LASCIATO DEFINITIVAMENTE. IO NON LO CONOSCEVO PERSONALMENTE MA SOLO ATTRAVERSO QUELLO CHE ANNAMARIA, SUA VICINA DI CASA E MIA COMPAGNA LUNGO QUESTO TRATTO DI VITA CHE MI RIMANE, MI HA RACCONTATO. HO IMPARATO A CONOSCERLO E ORA CHE IL SUO SPIRITO VITALE CI HA LASCIATO SENTO CHE UN PO' MI MANCA. HO SAPUTO DELLA SUA GRANDE VOGLIA DI VIVERE, DEL SUO UMORISMO, DELLA SUA VITALITA'. MA PURTROPPO IL NOSTRO CORPO E' TROPPO FRAGILE PER CERTE MALATTIE E LA NOSTRA VOGLIA DI VIVERE A VOLTE NON E' SUFFICIENTE.
VOGLIO SALUTARE PASQUALE COME SE L'AVESSI CONOSCIUTO E ANNAMARIA LO ABBRACCIA E LO RICORDA CON UN PROFONDO AFFETTO E CON UN GRANDE DOLORE DENTRO SENZA DIMENTICARE TUTTO QUELLO CHE SI SONO DETTI NEL CORSO DELLA LORO AMICIZIA, LE SUE BATTUTE, LA SUA SOLITUDINE MA SOPRATTUTTO LA SUA VOGLIA DI ESSERE DI QUESTO MONDO.

MARCO PASIANI (CON ACCANTO ANNAMARIA)

rino ha detto...

Sono il fratello di Pasquale, per me che l'ho visto giorno dopo giorno da metà luglio in poi spengersi è stato tremendo e tuttora, sono a lavorare in uno sperduto deserto Turkmeno,penso alla sera prima quando alle 22,30 sono andato da lui con un brutto presentimento, gli ho toccato la spalla , l'ho chiamato,ma lui aveva gli occhi sbarrati e russava, mi sono sentito un microbo in un mondo enorme. Noi non siamo nulla, solo polvere. Non ho potuto far niente per aiutarlo,lo voglio ricordare però per tutto quello che lui ha fatto sempre per me , mi ha ascoltato anche quando stava male anche quando non doveva o poteva, lui era un GRANDE!!!!