mercoledì 21 novembre 2007

L'arte dei figli



Stasera, al Be Bop di Firenze, per "stazione cantautori" (rassegna curata da Massimiliano Larocca), suonerà e canterà Will T. Massey, una vecchia conoscenza del cantautorato americano, un disco d'esordio fulminante e poi un po' di silenzio. Con ogni probabilità, gli è tornata voglia di cantare. E quindi canta. Una leggenda, a modo suo, nel panorama musicale. Ad aprire il concerto, stasera, una "mia" leggenda, Luca Mirti dei Del Sangre. A mio avviso, il miglior cantautore in circolazione in Italia. E, curiosamente, ieri, quasi per caso, inseguendo una recensione di "rootshighway" a proposito del figlio di Steve Young che già si era messo a cantare anche lui (e io non lo sapevo) ma che ha tirato fuori, dopo qualche anno dal primo ("Not Another Beatiful Day"), un gran disco il cui titolo è il nome. "Jubal Lee Young" per l'etichetta Palo Duro. Non so dove il babbo, o la mamma, o entrambi, abbiano trovato un nome come Jubal, ma il DNA del padre si sente, e bene. Ma quello che ho sentito, e non credo di essere il solo, è una straordinaria somiglianza con il modo di cantare di Luca. Basta andare su myspace ed ascoltarsi "I might be crazy"! Ad ogni modo, le canzoni sono splendide, da "Greed is the Creed" a "The window song" fino all'unica "cover" presente sul disco, "Deep South Blues", scritta dalla madre Terry Newkirk (evidentemente, non era solo il DNA del babbo!).

Cose di cui ti stupisci solo quando piove
di Jubal Lee Young

Come si può essere talmente meravigliosi
da fare male a guardarli?
Perché i cuori che vuoi spezzare sono sempre d'oro?
Come si può amare qualcuno così tanto da star male?
E sarai sempre lo stesso?
Perché il poeta trova godimento nella sofferenza?

Ti meravigli che io abbia perso tutto questo tempo?
Chiedendoti perché il sole si rifiuti di splendere
Mi domando perché non possiamo fare l'amore
Fino a che non rimanga altro che l'amore
Cose che ti domandi solo quando piove

Com'è possibile che alla fine andrà tutto bene
Quando mi sento così come mi sento adesso?
Impareremo a riconvertire in aratri le nostre spade?
Se ottengo qualsiasi cosa abbia mai voluto
Cosa mi rimane da volere?
Perché le ferite più profonde vengono inflitte dagli amici più veri?

Ti meravigli che io abbia perso tutto questo tempo?
Chiedendoti perché il sole si rifiuti di splendere
Mi domando perché non possiamo fare l'amore
Fino a che non rimanga altro che l'amore
Cose che ti domandi solo quando piove

1 commento:

franco senia ha detto...

Things You Only Wonder When It’s Raining
© 2005, Jubal Lee Young

How can someone be so beautiful
That they are painful to behold?
Why are the hearts you have to break always gold?
How can you love someone so much it hurts?
And will you ever be the same?
Why does the poet find his pleasure in the pain?

I wonder why I’ve wasted all this time?
Wondering why the sun refused to shine
I wonder why we can’t make love
Until there’s only love remaining
Things you only wonder when it’s raining

How can everything turn out all right
When I feel like I feel now?
Will we ever learn to beat our swords back into plows?
If I got everything I ever wanted
What would I want then?
Why do the deepest cuts come from the truest friends?

I wonder why I’ve wasted all this time?
I wonder why the sun refused to shine
I wonder why we can’t make love
Until there’s only love remaining
Things you only wonder when it’s raining